Un modesto operaio si innamora della figlia unica di un industriale e quindi si presenta dal padre per chiederla in sposa. Quando il padre gli chiede che lavoro faccia il giovanotto risponde: "sono operaio" e il padre: "bene io sono un democratico e il fatto che lei sia operaio e io industriale non fa differenza, ma vede mia figlia č abituata a un certo tenore di vita e io non ammetterei che mia figlia passasse a una vita piuttosto modesta. Lei quanto guadagna al mese?" e lui: "circa un milione e mezzo" e il padre: "ma giovanotto, ma come vuol sposare mia figlia con quello stipendio! Ma ha idea di quanto mi fa spendere con tutti i suoi vizi? Un milione e mezzo mia figlia lo spende in un mese solo in carta igienica! Guardi io non ce l'ho con lei anzi mi č simpatico, se riuscirā a farsi una posizione le prometto che acconsetirō alle nozze tra lei e mia figlia". Il poverino esce dall'ufficio e incontra la sua sposa mancata che gli chiede: "allora cosa ha detto il mio papā? Possiamo sposarci?" e il ragazzo: "ma va via cagona!!".


Tags: Amore, Dio, Papā, Renzi

Condividi questa Barzelletta sul tuo blog con una simpatica vignetta!

Barzellette Matrimoni modesto operaio innamora fig

Barzellette Matrimoni modesto operaio innamora fig

Spedisci questa Barzelletta ad un amico

Nota: ti ricordiamo che per proporre le barzellette non va usato questo modulo, ma l'apposita pagina di Inserimento.